Isola di Rab (Arbe)

Rab è la nona isola dell'Adriatico in ordine di grandezza, di circa cento kmq, ed uno dei luoghi più soleggiati d'Europa. Le tre catene montuose che la percorrono proteggono il litorale dai venti freddi provenienti dalla terraferma, agevolando così la crescita della vegetazione in tutta l'isola, fatta eccezione per la parte nord-occidentale, dove prevale la macchia.

L'isola di Rab (Arbe) si adagia felicemente in uno splendido braccio di mare: la sua costa è ricca dì meravigliose spiagge, suggestive insenature, dove l'aria è pervasa dagli aromi tipicamente mediterranei degli uliveti e delle vigne. Lunga 22 chilometri con una superficie di 93 kmq, corre parallela al massiccio del Velebit, formando un canale molto temuto dai naviganti per la violenza della bora che rende questo tratto di costa brullo e roccioso.

Isola di RabRab

Dalla parte opposta, nelle zone riparate si gode di un clima temperato: qui il paesaggio è verdissimo, la macchia mediterranea si alterna a boschi di pini marittimi, querce, lecci. I romani la conoscevano con il nome di Arba o Scadurna e, dopo la conquista, costruirono una cittadina nel luogo dell'attuale Rab. L'isola è una delle più conosciute e frequentate dai turisti che apprezzano le sue spiagge sabbiose (Pudarica, Lopar, Rab), le insenature rocciose e il clima mite.

Le preziose vestigia storiche ed i svariati divertimenti che si trovano sull'isola fanno di Rab una meta particolarmente apprezzata dal turismo internazionale. Località principale dell'isola è l'omonima Rab, fondata dai romani nel Il sec. a.c. . L'aspetto di questa cittadina è caratterizzato da 4 campanili che svettano sul centro, dalla bella Basilica di S. Marija (XI sec.), e dalle spesse mura che la circonda no. Percorrendo i vicoli del centro storico si possono ammirare pittoreschi scorci resi ancor più suggestivi dalle facciate degli antichi palazzi, spesso decorate da pregevoli sculture.

Per gli appassionati delle attività balneari è d'obbligo segnalare la località di Lopar, a nord-est dell'isola, dove si trova la splendida spiaggia Paradiso, quasi 2 km. di sabbia dolcemente digradante nel mare. Altre rinomate località balneari dell'isola sono la bellissima Baia di Gozinka, Kampor, Su ha Punta e Supetarska Draga.

Rab (Arbe)

Rab è il centro principale e dà il nome all'isola. Divenne sede di un vescovado in epoca cristiana. Dopo essere stata conquistata dai Franchi, fu amministrata da Venezia, con la quale stipulò patti di mutua difesa fin dall'anno Mille. Attraversò fasi di dominio sotto i re ungheresi fino al 1109, quando entrò a far pane dci territori veneziani fino al 1797. La cìuadìna, famosa per i suoi quattro campanili che la fanno sembrare una nave con quattro alberi, è un gioiello di arte e architettura: lungo le tre strade che la percorrono longltudinalmerue si possono ammirare edifici nobili con portali romanici.

Rab - Città

La Loggia
La via principale, ulica Sdreanja, conduce in un piccolo slargo dove si trova la bella Loggia Veneta, costruila nel 1506 in stile rinascimentale con il sovrastante deposito del grano: a sinistra è la l'alta Marina (Morska Vrata), una torre del XIV secolo, attraverso cui si giunge in piazza Municipale.

Rab, ulica SdreanjaTorre

Palazzo del Principe - Kneàev Dvor
Il cuore della città è nel porto, dove si specchia l'ampia piazza Municipale: qui si erge il Palazzo del Principe, costruito nel Xlll secolo in stile romanico, in seguito ampliato in stile gotico e rimodellato in stile rinascimentale, bifore rinascimentali e finestre trilobate in gotico fiorito. Nel cortile sono conservate lapidi e resti romani e medievali.Rab - San Andreea

Monastero e chiesa di Sant'Andrea - Sv. Andrija
La piccola chiesa romanica è annessa al monastero benedettino femminile fondato nel 1181, mentre la torre campanaria, la più antica di Rab, con la cella a triforio, è del secolo successivo.

Kampor

All'estremità di una lunga baia (Karnporska Draga), Kampor è un villaggio che ha conservato le modeste abitazioni in pietra e i terrazza menti dove crescono olivi e vigneti; rutto intorno sono sorte molte case per le vacanze. Il convento francescano di Santa Eufemia, con l'annessa piccola chiesa romanica, sono vicini a quella di San Bernardino che conserva due tavole di Bartolomeo e Antonio Vivarini, una tavola bizantina (XIV secolo) e altre opere d'alle. Nel chiostro, varie pietre tomba li e il sarcofago di Magdalena Budrisié, fondatrice del convento.

Lopar

È una località frequentata dai turisti per le sue spiagge sabbiose protette da pinete, dotate di servizi tra cui campi da tennis, di calcio, minigolf e vari punti di ristoro. Qui nacque lo scalpellino Martino, che, dopo aver lasciato l'isola e lavorato a Ravenna, si ritirò sul monte Titano vivendo da eremita e facendo nascere li un villaggio, dal quale sorse la Repubblica di San Marino.

Come raggiungere Rab

VIA TERRA (distanza dal confine italiano 205 Km.)
In auto: da Trieste confine con la Siovenija (varco di Pese), confine con la Croazia (varco per Pasjak) 'strada E61 direzione Rijeka, strada E65 fino a Jablanac, proseguimento con traghetto per Misnjak (30 minuti circa, mediamente 12 corse al giorno, luglio e agosto 1 corsa ogni ora);

Via Isola di Krk, strada E61 direzione Rijeka, ponte carrabile di Kraljevica (pedaggio), proseguimento con traghetto da Baska a Lopar (2 ore circa, mediamente 2 corse al giorno, nei mesi di luglio ad agosto 4 corse al giorno).

Escursioni suggerite nei dintorni di Rab

Isola di Pag, Isola di Losinj, Isola di Krk, Parco Nazionale delle Isole Kornati, Parco Nazionale di Plitvice.

Alberghi sull'Isola di Rab

Gli alberghi più importanti di Rab sono l'Hotel Eva, Hotel Carolina e Hotel Padova. Per dettagli su come alloggiare sull'isola consultare anche la sezione dedicata agli Alberghi sull' Isola di Rab.